Novara Calcio 1908

Novara Calcio 1908

Descrizione

VISITpass---New-Partner---NovaraLa Società Novara Calcio 1908 offre la seguente promozione a tutti i possessori di VISITpass

Walkabout Novara: breve Tour guidato all’interno dello stadio “Silvio Piola”, a seguire aperitivo nella sala VIP “Marco Opezzo”, trasferimento in tribuna per assistere al match e durante l’intervallo pass per ingresso nell’area Hospitality per piccolo rinfresco.

*Solo i possessori di VISITpass potranno acquistare l’esperienza Walkabout.

Esperienza Walkabout Novara costa € 20,00 a persona (Il Biglietto della partita non è incluso), numero 12 posti disponibili a partita.
Per coloro che non dispongono di un abbonamento, per partecipare all’esperienza devono fornirsi di un biglietto partita di qualsiasi settore.

Per partecipare all’esperienza Walkabout Novara bisogna prenotarsi alla email: info@visitpass.it, entro il giovedì della settimana in cui si disputa la partita casalinga, il nostro staff vi darà tutte le informazioni per partecipare a questa fantastica esperienza!

STORIA NOVARA CALCIO

Il Novara Calcio è una Società calcistica con sede nella città di Novara, fondata nel 1908, ha disputato per tredici volte il campionato di Serie A, l’ultima volta nella stagione 2011-2012, conseguendo come miglior risultato finale l’ottavo posto nell’annata 1951-1952. Ha giocato inoltre una finale di Coppa Italia, sconfitta dall’Ambrosiana-Inter nell’edizione 1938-1939. Vanta la 28ª miglior tradizione sportiva in Italia.

STADIO “SILVIO PIOLA” NOVARA

Il Novara Calcio 1908 disputa le partite casalinghe al “Silvio Piola”, primo stadio professionistico in Italia realizzato con manto in erba sintetica, l’inaugurazione è stata fatta il 6 ottobre 2010.

Il nome del vecchio impianto era “Viale Kennedy”, la strada su cui si affaccia, fino alla sera del 23 ottobre 1997 quando fu intitolato ufficialmente al grande campione del mondo Silvio Piola. La prima partita disputata al “Silvio Piola” risale al 2 novembre 1997: Novara-Pro Sesto terminata 0-0.

NOVARELLO

Novarello è il centro sportivo che fa da campo di allenamento per i giocatori del Novara e da base per la dirigenza e la segreteria. È localizzato nel comune di Granozzo con Monticello, a 12 km circa da Novara.

Il polo è stato realizzato nel 2007 in seguito all’acquisizione della società da parte della famiglia De Salvo ed è stato ricavato ristrutturando un vecchio mulino del XVII secolo nella campagna novarese; da allora è sempre in espansione. A oggi conta 6 campi da calcio a 11 regolamentari e 8 omologati, le abitazioni per i calciatori, 1 palestra da 600 mq, 1 area medica e per la riabilitazione, 1 ristorante e alcune aree relax.

STORIA NOVARA CALCIO 1908

Nel dicembre del 1908 nasce la F.A.S, Football Association Studenti, che diventerà il primo nucleo del Novara Calcio.Gli otto giovani studenti del Liceo Carlo Alberto, di età compresa fra i 15-16 anni, hanno nomi che diventeranno di spicco nella storia del calcio, non solo novarese.

Fra questi possiamo ricordare l’Ingegnere Gianni Canestrini e l’Avvocato Piero Omodei Zorini. A Novara in quei tempi erano presenti altre piccole realtà calcistiche come la Voluntas, la Pro Scalon, la Ginnastica e Scherma, la Forza & Speranza, il Collegio Gallarini e molte altre rappresentative studentesche. Nel novembre del 1912 i migliori giocatori di queste squadre saranno chiamati a formare il Novara Calcio, che farà il suo primo debutto nel campionato italiano. Era precisamente il 3 novembre 1912 quando il Novara esordì con una serie di partite che furono disputate sul campo di via Lombroso, donato dall’allora presidente Guido Beldì.

La prima partita venne disputata contro una squadra già allora blasonata come il Torino, che vinse per 2-1, e la prima rete novarese venne siglata da Mario Meneghetti, bandiera ancora indiscussa.
La squadra ufficiale del Novara, maglia azzurra con scudetto crociato e pantaloni bianchi, ha ormai conquistato il pubblico che accorre sempre più numeroso allo stadio.
In quegli anni il Novara formava insieme alla Pro Vercelli, al Casale e all’Alessandria il “quadrilatero piemontese”. La nostra squadra disputò ben otto campionati nella massima serie tra il 1948 e il 1956, proprio negli anni in cui il calcio divenne di massimo interesse, riuscendo a fare bene con le poche forze a disposizione, viste anche le difficoltà sempre maggiori che andava ad affrontare a causa dell’indiscusso potere di altre società più blasonate. Inoltre le enormi difficoltà economiche, furono la causa delle cessioni dei pezzi pregiati di quei tempi, e si dovette puntare su prestiti poco onerosi.

La storia recente del Club, inizia dalla storica promozione nel campionato 2009/2010 dove, con una cavalcata spettacolare, raggiunge dopo 33 anni la Serie B. La stagione seguente si realizza un “sogno” che mancava da 55 anni…LA SERIE A!

La prima casalinga nel massimo campionato è contro l’Inter. Un Piola tutto esaurito spinge gli azzurri alla vittoria prestigiosa contro Zanetti e compagni.